24 marzo 1944

Sessantanove anni fa le SS di Hebert Kappler trucidarono nelle cave romane 335 innocenti. Fatti inginocchiare e uccisi a freddo con un colpo alla nuca. Un evento tragico passato alla storia come l’eccidio delle Fosse Ardeatine. C’erano tra i martiri quattro calabresi. Questi i loro nomi.

DONATO BENDICENTI (Rogliano, 18 ottobre 1907 – Roma 24 marzo 1944).
FRANCESCO BUCCIANO (Castrovillari, 17 dicembre 1896 – Roma 24 marzo 1944).
GIOVANNI VERCILLO (Catanzaro, 11 ottobre 1908 – Roma 24 marzo 1944).
PAOLO FRASCA’ (Gerace, 18 maggio 1898 – Roma 24 marzo 1944).
 Tutti e quattro antifascisti. Bendicenti era un militante comunista. Bucciano faceva parte del gruppo internazionalista “Bandiera Rossa”. Vercillo faceva parte del Fronte militare clandestino. Frascà faceva parte del gruppo socialista “Felice Napoli”

Bruno Gemelli

Il Quotidiano della Calabria.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...