Maltempo, fine settimana con “criticità elevata” Arpacal lancia allerta. Chiuse molte scuole

Il maltempo sta per abbattersi nuovamente sulla Calabria e in previsione di possibili emergenze a Catanzaro, Crotone, Reggio e in diverse zone del Cosentino le scuole rimarranno chiuse. Continua l’emergenza idrica nel capoluogo mentre a Sibari la foce del canale degli Stombi è ancora insabbiata.

resizer.jsp

CATANZARO – Che le previsioni meteo per il fine settimana fossero preoccupanti era già chiaro. Ma l’aggiornamento del Centro Funzionale Multirischi dell’Agenzia Regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria (Arpacal) ha diffuso nel pomeriggio di venerdì due importanti documenti che riguardano l’avviso di criticità per possibili precipitazioni intense (A2) ed il Bollettino di criticità regionale per rischio idrogeologico e idraulico (BCR).
“I fenomeni legati alla forte perturbazione che insite sulle aree meridionali della penisola previsti – fanno sapere dal Multirischi Arpacal – dovrebbero intensificarsi ulteriormente tra il tardo pomeriggio di sabato e la giornata di domenica e potrebbero determinare fenomeni di dissesto da localizzati a diffusi e di intensità da media ad elevata, tali da costituire pericolo per la incolumità delle persone che si trovano nelle aree a rischio”. “In particolare, in base agli ultimi e più attendibili modelli previsionali – prosegue il Multirischi dell’Arpacal – è stata dichiarato il livello di allerta 2 (il più alto della scala) per le zone CALA 3, Cala 4, Cala 5 e Cala 6, ovvero per il tirreno meridionale e per tutta la costa ionica; per le zone di allerta Cala 1 e Cala 2 (tirreno centro settentrionale) è stato invece dichiarato il livello di allerta 1”.

L’Arpacal ha invitato i cittadini a porre la massima attenzione nello svolgimento delle attività quotidiane, in particolare con quelle che dovessero interferire con situazioni di rischio (sottopassi, aree in frana, scantinati).

Nella mappa diffusa dall’Arpacal sono state evidenziate le zone di criticità elevata e con rischio idraulico (GUARDA LA MAPPA). In questo contesto, la Provincia di Catanzaro ha predisposto una task-force per fronteggiare lo stato d’allerta. Su indicazione della Protezione Civile il commissario Wanda Ferro ha dato mandato agli uffici di organizzare una struttura operativa mirata ad intervenire nel caso in cui l’allerta delle ultime ore dovesse trovare conferma. Il Dipartimento regionale della Protezione civile, invece, ha sollecitato i Comuni ad attivare i Centri operativi comunali (Coc), considerata anche la concomitante chiusura degli uffici pubblici per il fine settimana.

GUARDA IL VIDEO DELLE PREVISIONI METEO

L’ALLARME SU AREE GIA’ IN DIFFICOLTA’ – Molte le scuole chiuse per l’emergenza. In particolare, il sindaco di Crotone, Peppino Vallone, ha disposto la chiusura di tutti gli istituti scolastici della città per domani. A Catanzaro il sindaco Sergio Abramo è andato anche oltre disponendo la chiusura sia per domani che per lunedì 2 dicembre, e fino a nuova disposizione. Non si vogliono creare allarmismi, ma l’invito è quello di non muoversi da casa nella notte tra sabato e domenica, previsto come momento più critico. Abramo invita i giovani a non passare fuori casa il sabato notte. Allerta anche per le imbarcazioni pescherecce ormeggiate nel porto della città. Il primo cittadino ha anche disposto, dalle 14 di sabato e fino a nuove disposizioni, la chiusura di tutti gli impianti sportivi di Catanzaro. Scuole chiuse anche a Reggio Calabria, ma analoghi provvedimenti si stanno adottando in moltissimi comuni della Calabria.

ANCORA DISAGI PER L’ACQUA A CATANZARO – Nel frattempo, sempre a Catanzaro continuano le difficolta nell’approvigionamento idrico. I disagi che alcuni quartieri ancora avvertono sono determinati dalla ridotta portata dell’acquedotto del Santa Domenica. Rispetto alla quantità standard di 450 litri/secondo, ne vengono erogati solo 310, per cui il quantitativo di acqua risulta non sufficiente a ricostituire in tempi brevi le riserve di tutti i serbatoi. A soffrire maggiormente sono alcune zone (Gagliano-Mater Domini, San Leonardo, Samà, Sala) e soprattutto i piani alti. L’ufficio acquedotti del Comune sta operando continue manovre per ricostituire le riserve dei vari serbatoi serviti dal Santa Domenica (Madonna dei Cieli, Stretto Cappuccini, Siano 1 e Siano 2). La situazione è dunque legata all’evoluzione del funzionamento dell’impianto di potabilizzazione di Santa Domenica, più volte danneggiato dall’alluvione del 19 novembre scorso. La Sorical sta evitando di azionare le pompe che porterebbero il quantitativo di acqua a 450 litri/secondo nel timore che le continue sollecitazioni possano produrre nuove interruzioni alla conduttura. L’ufficio acquedotti del Comune sta valutando l’ipotesi di favorire la ricostituzione delle riserve nei vari serbatoi con un calendario di interruzioni programmate dell’erogazione limitate ad alcune ore pomeridiane o notturne.

CHIUSO IL CANALE DI SIBARI – Sempre a cuasa del Maltempo si registra a Sibari l’interdizione della navigazione all’interno del Canale degli Stombi a causa delle recenti mareggiate che hanno provocato l’insabbiamento della foce del canale dei laghi di Sibari. Mancano, infatti, le condizioni di sicurezza per la navigazione di qualsiasi natante o imbarcazione.

IL QUOTIDIANO DELLA CALABRIA.IT

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...