La “Varia” di Palmi è patrimonio dell’Umanità. La Calabria per la prima volta nell’elenco Unesco

Un riconoscimento che porta la Calabria per la prima volta nelle liste figurative del patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. La “Varia” di Palmi, all’interno della rete della grandi macchine a spalla e assieme ai Gigli di Nola, alla Macchina di Santa Rosa di Viterbo e al candeliere di Sassari diventa un bene immateriale riconosciuto a livello mondiale

di GIUSEPPE BOVA

La Varia di Palmi

La Varia di Palmi

PALMI – La “Varia” di Palmi, insieme ai Gigli di Nola, la Macchina di Santa Rosa di Viterbo e il candeliere di Sassari, (come Rete delle grandi macchine a spalla) ha assunto da qualche ora una valenza mondiale: è stata dichiarata patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco. Il riconoscimento è stato sancito durante l’ottava sessione del Comitato intergovernativo in corso di svolgimento a Baku, in Azerbaijan. l’evento rappresenta un vero e proprio traguardo per un progetto iniziato alcuni anni fa, coordinato dalla dottoressa Patrizia Nardi, e che adesso riceve gli onori della ribalta internazionale, divenendo il primo soggetto calabrese ad essere riconosciuto patrimonio Unesco. Dalla provincia di Reggio Calabria al mondo intero. Lo scorso 25 agosto lassù in alto a 15 metri di altezza, posta sulla “Varia”, trainata da centinaia di ‘mbuttaturi, c’era l’“animeddha” Grazia Iannì, una bambina tenace che ha rappresentato la Madonna secondo la tradizionale trasposizione che si fa di questa festa. Ai piedi dell’“animella”, a sorreggerla e a darle coraggio il “padreterno” Cosimo Ciappina. L’evento storico di oggi contribuirà certamente a far conoscere la festa a milioni di persone. Per la prima volta, in questo modo, la Calabria entra nell’elenco ristretto delle liste rappresentative dell’Unesco che per quanto riguarda l’Italia accoglie anche il Canto tenore della cultura pastorale sarda, l’Artigianato tradizionale del violino a Cremona e l’opera dei Pupi siciliani e più in senso lato anche la Dieta mediterranea.

Da parte sua l’assessore regionale alla Cultura, Mario Caligiuri, commentando la notizia ha dichiarato che «l’impegno di tutta una regione è stato premiato: la Calabria ha avuto il suo primo riconoscimento dell’Unesco mettendo in luce la sua vera natura: quella culturale. Quest’anno e ancora di più il 2014, stanno dimostrando e dimostreranno come la Calabria stia drizzando la schiena tramite la cultura».
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...